Ricerca

Alex Brian

Tag

Poesia

Il filo di Arianna

Lunga è la strada mio amore, e non si può abbattere l'ostacolo. Ti persi dietro un angolo, a mezzanotte, per ore. Non ti voltasti, per vedere se c'ero. Sbagliai poi il tracciato, non sapendo se trovarti, forse, per errore.  ... Continue Reading →

Intenzioni

Il tempo va più lento dell'azione tra il pensiero e la parola un baratro, la volontà è impotenza sempre, l'intento è già ritardo di un gesto incompiuto di un attimo passato. E dentro, un battito che è svelto.   Alex... Continue Reading →

Frammenti di sguardi

Ci sono silenzi assordanti come quello che pensi come il profumo che sento a due passi da te. E quei frammenti di sguardi ritirati in ritardo, il vorrei ma non posso, e lo so io e lo sai te. Il... Continue Reading →

Una carta nautica

Troppo spesso lascio gli errori alla radice le ragioni all'osso. Dove il fiume scorre su se stesso non vale la pena navigare, se si capisce che il tragitto è un circolo, e il viaggio non è per il mare. Quando... Continue Reading →

Che cos'è l'amore se non le note di un pianoforte.. la melodia conta più del suono. E' un bisbiglio tra le coperte, è lucido stordimento, un salto al cuore quotidiana magia.. un morbido ovattamento, irrazionale e sublime, che sfugge come... Continue Reading →

Come edera

C’è dell’edera che cresce sul muro di mattoni rossi lentamente si radica, come il mio amore. Ma non ho appoggi quando alla sera la luce si tenebra, fuori alla finestra. Penso ora adesso a quelle tue labbra così distanti, come... Continue Reading →

Luce

L'ombra si allunga più netta laddove più forte il sole batte. Orme nere delineate di foglie in un abito bianco di festa. Un raggio di sole attraversa il cielo nero in tempesta. Il sole batte più forte là dove l'ombra... Continue Reading →

Ciao, mi chiamo Alex Brian.

È plastica questo scudo di pelle, ma sotto, l'anima, prende ruggine, esposta a questo tempo. Le intemperie di maggio, e i cataclismi di gioventù. Ho 24 anni. Sono avaro di affetto, come di linguaggio. Retaggi, o scuse. Ma il mio... Continue Reading →

Tu non m’appartieni più

Tu non m'appartieni più come lo scorrere del sangue alla morte, come il latte materno all'adolescente. Sono fuori dal cerchio, lontano dai tuoi pensieri, eco di un temporale lontano. Sono la carta di una caramella, un vecchio dubbio, un problema,... Continue Reading →

Il fascino del vano

Come posso afferrare il ricordo se non so il tuo nome, mi sfugge come può sfuggire il profumo di un fiore, te ne avevo dato un altro in sostituzione, ma era come cercare di cambiarti e manipolatore non è il... Continue Reading →

Riflessi

Riflesso in specchi caleidoscopici, ribalto tavoli per farmi strada, tra giungla, castelli, labirinti; pupazzi, maschere, demoni e riverberi. Senza una mappa, né via tracciata da fili, molliche, fagioli o cartelli. Metto in ordine i mattoni dell'anima, del mio cuore, del... Continue Reading →

Anche una mela necessita di una legge per cadere propriamente da un ramo

Venderai forse te stesso per un sasso giallo? Chiudi gli occhi e ascolta il cuore, è di pietra o di corallo? Le mani sono abbastanza ruvide, fanno a gara con la pomice. Il tuo sorriso è stanco e i tuoi... Continue Reading →

Campo di Marte

Soffiata e sospinta dal vento una bolla di sapone, trasparente arcobaleno, nata dalla pura volontà del crear bellezza, attraversa i binari a Campo di Marte e dura soltanto un momento. Tra gli annunci di ritardi, il cielo ocra da dietro... Continue Reading →

La superficie del cielo

Davanti all'abisso nero un cielo stellato e terso dona speranza a chi guarda in alto. Di giorno un cielo semplice, uniforme tranquillizza le anime dalla complessità dell'universo. Multiformi nuvole bianche raccontano storie, e col solo vapore la fantasia esaltano. Alex... Continue Reading →

Mancanze

I miei pensieri rendono le mie ossa fragili. Certi vuoti risvegliano tormenti E perfino il contrario. Se quel che serve manca, ci riempiremo all’occorrenza con qualcos’altro a piacimento. Questa tensione che ci muove Come pulviscolo verso ambra   Alex Brian

Blog su WordPress.com.

Su ↑