Come posso afferrare il ricordo se non so il tuo nome,

mi sfugge come può sfuggire il profumo di un fiore,

te ne avevo dato un altro in sostituzione,

ma era come cercare di cambiarti

e manipolatore non è il mio nome.

Ti penserò con le poche cose che trattengo

la tua immagine vana e superba per esempio:

la sensazione di arroganza che ti pervade,

lo sguardo fiero, la piega del sorriso, lo zigomo fermo,

meglio scordarti, ahimè, ma nel pensier ti cerco.

Alex Brian